I primi dieci piloti nella storia del WRC

I primi dieci piloti nella storia del WRC

Il Campionato del Mondo Rally quest’anno compie il suo numero di emissione 35. Se si prende uno sguardo alle statistiche, pochi avrebbero dubbio che Sébastien Loeb è il miglior pilota di tutti i tempi di specialità. Ma oltre ai freddi numeri ci sono molte altre considerazioni nel concedere merito alla traiettoria di ogni altro. Sulla base di loro, questo è l’attuale classifica particolarmente AUTOSTRADA.

I primi dieci piloti nella storia del WRC

I primi dieci piloti nella storia del WRC

I primi dieci piloti nella storia del WRC

I primi dieci piloti nella storia del WRC

1. Sébastien Loeb

loro nove titoli, anche fatto consecutivamente, Si dice tutto. letteralmente frantumato statistiche miti di scalzare specialità schiacciante tutti coloro che soggiornano più di tutti loro nell’elite. Come esempio della sua potenza basti dire che al termine della gara ha lasciato il bar di 78 vittorie Campionato del Mondo, non meno di quaranta più del suo più diretto inseguitore in questa classifica. I da ginnastica, avuto un debutto di rally insolitamente tardi (21 anni), per poi raggiungere per qualcuno così tanto successo. Ma passando per il WRC ha segnato un prima e un dopo nella storia della specialità. Dopo aver vinto la sua prima Coppa del Mondo nel 2002 (Germania), è stato un sospiro di titolo l’anno successivo, riuscendo uno più tardi. Da lì, nessuno è tornato a vincere una corona mentre Loeb ha giocato una stagione completa nel WRC, raggiungendo gesta come stagione 2008 in cui ha vinto 11 dei 15 rally del calendario quell’anno. Egli nasce come pilota sull’asfalto, ma la capacità di sacrificio e la disciplina della ginnastica erano la pena a lui per imparare e migliorare in tutti i settori, ad essere letteralmente imbattibile nella maggioranza e aspirante alla vittoria in tutti.

Sébastien Loeb

2. Carlos Sainz

fino a quando Sébastien Loeb Marcus Gronholm e non ha raggiunto l’apice della loro carriera, gli spagnoli hanno occupato il primo posto nella classifica di vittorie nel WRC. Inoltre, si potrebbe dire senza equivoci che tutti li hanno ottenuti nelle stagioni di maggiore competitività al concorso. Tra i tanti meriti del pilota spagnolo sono i dati del genere È il secondo pilota che ha raggiunto più punti nel WRC e anche il secondo più podi (in entrambi i casi superato solo dal Sébastien Loeb). Tra la prima vittoria di Carlos Sainz nel raduno mudialista (Acropolis 1990) e ultimo (Argentina 2004) Ci sono voluti non meno di quattordici stagioni, che dà un’idea della quantità di tempo gli spagnoli è rimasta pienamente competitivo. Perfezionista finisce difficile da immaginare, Sainz è l’esempio vivente di tenacia, professionalità e lo spirito di eccellenza. Ha debuttato nel WRC con una mentalità vincente ed è tenuto in competizione fino alla fine della sua carriera. Pioneer a dimostrare che lo stesso pilota potrebbe vincere su diverse superfici, Sainz è stato elaborato uno reputazione per la sua capacità di aiutare l’evoluzione delle auto, mundialistas alla fine vincendo raduno con quattro diversi marchi, qualcosa che pochi piloti hanno raggiunto.

Carlos Sainz

3. Tommi Makinen

solo Sébastien Loeb ha vinto più titoli di Makinen consecutivamente (4), che dice molto circa il segno lasciato dal pilota finlandese nel WRC. Infatti, oltre a due, Juha Kankkunen era in grado di ottenere quattro corone mondiali solo. Makinen è nato in una famiglia di agricoltori in Puupola (Finlandia), che lo ha portato a scatenare il suo primi impulsi sport a motore specialità ‘tractor pulling ‘, molto popolare nel paese nordico. Ho corso il suo primo rally, all’età di 18 anni e due stagioni dopo era già campione di Finlandia. 1000 Lagos nel 1994 ha ottenuto la sua prima vittoria in un test Campionato del mondo, un privato Ford Escort RS Cosworth. Due stagioni più tardi, ha vinto il suo primo titolo Campione del mondo. Aggressivo e coraggioso come pochi altri, Mitsubishi ha portato ai suoi anni più gloriosi nella specialità. Una delle sue caratteristiche più apprezzate è stata che ha ottenuto, come il suo connazionale Markku Alen, essere pienamente competitivo e vincere il rally su asfalto, ciò che lo ha reso un pilota completo.

Tommi Makinen

4. Juha Kankkunen

E ‘stato il pilota di maggior successo della generazione precedente Carlos Sainz e che Ha dominato le statistiche fino all’arrivo degli spagnoli al culmine della sua carriera. Da Laukaa, nel cuore della regione dei laghi, dove il contestato 1000 Laghi Rally, Kankkunen ha preso il suo padre, un ex pilota, il suo primo mentore. Ma sarebbe un suo amico, Timo Makinen e patrono quintessenza dei rally in Finlandia, Timo Jouhki che ha permesso Kankkunen sulla rampa di lancio come pilota. Guardò mondiale Toyota parte, anche se cova avvenuto a metà del 1980 con Peugeot. Proprio quando la FIA ha deciso di abolire il Gruppo B 1986, Juha Kankkunen ha dato la ditta Leone il documento nella ultimo anno di vita competitivo del 205 Turbo 16, che aggiudicandosi il primo dei suoi quattro titoli nel campionato piloti. Egli ha difeso con successo la sua corona l’anno successivo Lancia nella premiere di stagione di Gruppo A e WRC massima serie e ci ha iniziato una serie di colpi di scena e si rivolge a Toyota e Lancia darebbe altri due titoli, con gli italiani nel 1991 e la giapponese nel 1993. Dopo due anni a Ford (1997 e 1998), poi ha corso con la Subaru contrassegna con cui ha segnato i suoi ultimi due vittorie in WRC. Passò da Hyundai nel 2001 e 2002, e nel crepuscolo della sua carriera.

5. Marcus Gronholm

Uno dei quattro piloti nella storia Campionato del Mondo Rally di aver segnato due titoli, il finlandese è stato sicuramente più sostanza rivale Sébastien Loeb che ha affrontato, ma quando il francese ha camminato costantemente verso l’apice della sua carriera e Gronholm passo era già nella fase finale della sua. gli anni ’90 sono stati spesi competere sul WRC rally sciolto senza un programma fisso o pilota di status ufficiale con, una certa continuità che indubbiamente condizionato le sue possibilità. Toyota è stato il marchio che ha aperto le porte dell’élite mondialista, anche se sarebbe Peugeot, quando ha deciso di tornare al campionato, la squadra ha firmato Gronholm per un programma completo dopo aver vinto quattro volte il titolo nazionale finlandese nel Gruppo A. Nelle sue mani, la 206 WRC è diventata la vettura da battere era con lui e con il quale ha vinto il suo primo rally WRC Svezia 2000, il suo primo titolo di quell’anno, e la seconda, due anni dopo. Con 307 società di Leone ha iniziato il suo declino, fino al suo ritiro, Gronholm andare a Ford, marchio che anche avuto un sacco di vittorie.

6. Sébastien Ogier

Considerato da più l’erede di Sébastien Loeb, Francese è, come si dice, iniziando a decollare, anche se ho dimostrato fino ad oggi presagire che potremmo essere di fronte uno dei più grandi piloti di tutti i tempi. Il ricavato dalla cava della Federazione Francese e Citroën, Ogier ha giocato la sua prima stagione completa nel galloni Hand Mark Campionato del Mondo nel 2009, dopo aver vinto il Mondiale Junior. Ma il 2010 sarebbe stato l’anno della conferma del suo grande potenziale. Portogallo ha vinto dopo una gestione impeccabile e ha continuato a progredire carrrera chiudere l’anno con cinque vittorie, lo stesso numero che potrebbe Loeb, che è diventato il titolo. Essa ha dimostrato di essere un avversario difficile in sezioni e anche al di fuori di loro, ma hanno perso la battaglia politica ed è stato spinto fuori dalla squadra Francese, onnipotente Loeb. Volkswagen, che aveva cercato di firmare l’astro francese, senza successo, è stato colpito con Ogier sul mercato e non ha esitato a puntare su di lui. Egli ha rivelato scommessa vincente, dal momento che la prima del Polo WRC nel 2013, Ogier ha segnato non meno di 9 gare, rimanendo due record di Loeb, anche se questo si è verificato nel 2008, con un calendario di 15 gare (nel 2013 ci sono stati due in meno). Non si può dire che Ogier vacillare come pilota in qualsiasi campo e mentalità vincente, la loro forza psicologica, la loro preparazione e il loro arsenale di risorse al volante sono, oggi, il vero incubo dei suoi avversari.

Sébastien Ogier

7. Walter Rohrl

Un tipo singolo, tedesco, e uno dei miti delle corse su strada. Era il flagello dei piloti nordici fine degli anni ’70 ei primi anni ’80 e il quarto membro del club esclusivo dei due titoli, con Biasion, Sainz e Gronholm. Perfezionista irredenta, non è mai stato politicamente corretto e la critica di alcune posizioni e piloti di rally e gli fece guadagnare la reputazione di arrogante. In realtà, ha vinto i due titoli nonostante il rifiuto persistente di competere in alcuni rally come i 1000 Laghi della Finlandia, che hanno apertamente detestava. Naturalmente, ci sono stati gare in cui lui era veramente confortevole e c’era poco più o meno imbattibile. È stato il caso, ad esempio, Monte Carlo, dove ha vinto quattro volte, qualcosa che solo allora otterrebbe Makinen e Loeb sul test storia del mondo. La vera differenza è che Rohrl ottenuto con i modelli di quattro marchi diversi, a differenza dei suoi rivali, che ha vinto solo lì con uno. Nel 1982 è riuscito a battere il suo veterano Opel Ascola 400 per l’onnipotente Audi armati, con il suo temibile Quattro a trazione integrale. Dopo un breve periodo in Lancia, passerebbe nel 1984 per le fila della squadra dei quattro anelli, con le quali finirebbero la sua carriera nei rally e continuare in pista.

Walter Rohrl

8. Björn Waldegaard

Questa svedese ha inaugurato la storia delle gare del Campionato del Mondo Rally titolo i primi piloti della sua storia come un evento ufficiale. Oltre a possedere una grande talento innato e capacità ineguagliata di gestire cualquieer tipo di auto rally su ogni terreno, Bjorn Waldegaard ha altri meriti che hanno reso la sua categoria trafitta stato del pilota singolo e ha raggiunto il mito della specialità. Ha vinto 16 dei 95 eventi WRC ha giocato nella sua carriera, facendo 34 podi. Fin dalla sua prima vittoria (Svezia 1975) all’ultima (Safari 1990) sono stati spesi 15 stagioni, che dà un’idea del numero di anni che è rimasto in grado di lottare per il più contro i migliori.

Bjorn Waldegaard

Markku Alen 9.

probabile il pilota di maggior talento della sua generazione, Markku Alen nel sesto posto nella classifica vince WRC 20, legato con Didier Auriol. Tuttavia, il più grande paradosso in gara finlandese è Sono mai riuscito a vincere il titolo un driver. Fedele al Gruppo Fiat fin dall’inizio della sua carriera, Alen raggiunto gesta significative sul retro di auto molto particolari come la Fiat 131 Abarth o Lancia 037. Con il secondo modello sarebbe diventato un rivale scomodo per ufficiale Audi, di riferimento specialità in primi anni ’80. Due volte seconde e terze quattro volte, Alen è sempre stato considerato il vero “re senza corona” del concorso, principalmente per due motivi: in primo luogo, Ha vinto la Coppa del Mondo nel 1978 Driver, l’anno prima della creazione del Campionato del Mondo di quest’anno. E in secondo luogo, perché Nel 1986 è venuto a godersi il titolo provvisorio per 11 giorni, fino a quando la protesta di Peugeot contro la loro esclusione e i risultati di Rally di Sanremo progredito, terminando il titolo detenuto da Kankkunen. Fu un pioniere tra i finlandesi di essere competitiva su asfalto, come dimostrano le sue vittorie nel 1983 e 1984 la Corsica.

Markku Alen

10. Colin McRae

Senza dubbio, uno dei piloti più carismatici della storia del Campionato del Mondo Rally. suo stile spettacolare, la sua personalità ribelle e il gioco che lo ha reso protagonista lo ha reso molto popolare. solo una vittoria lo separa nella classifica WRC occupa il terzo posto Carlos Sainz, uno dei suoi più duri avversari nella sua carriera Grand Prix e che essa ha coinciso nelle squadre Subaru, Ford e Citroen. Con le auto firma ovale ha cominciato ad essere conosciuto in Scozia e Inghilterra, che ha reso David Richards fichara di competere con Subaru, prima nazionale e poi internazionale all’inizio degli anni ’90. A 93 è entrato nel team ufficiale Subaru WRC, dove ha vissuto alcuni dei momenti più tesi e intensi della sua carriera con Sainz. McRae ha vinto il suo unico titolo lì nel 1995. Ha lasciato stagione Subaru nel 1999 per entrare in Ford, incontro con Sainz c’è un anno più tardi. Come al solito, grandi prestazioni alternate a molti colpi, fino al 2003 si è abbattuto di nuovo insieme a Sainz, Citroën. Ma che ha perso la battaglia con gli spagnoli, stare con Citroën Sainz quando la sua squadra è caduto due auto, con Loeb come il numero uno indiscusso. Solo un paio di rally con Skoda e una sostituzione Loeb alla Kronos-Citroen, quando il francese è stato ferito nel 2006, si è conclusa la sua carriera Grand Prix. Purtroppo, è morto in un incidente di elicottero insieme a suo figlio più giovane e gli amici il 15 Settembre 2007.

Colin McRae

Adblock
detector