Renault Megane dCi 130 Il Bose Energy, testata

Renault Megane dCi 130 Il Bose Energy, testata

La vettura Renault Megane quarta generazione si sente, e non solo per la sua estetica, soprattutto anche per la sua qualità di guida, tecnologia e design.

Renault Megane dCi 130 Bose Energy, ora più aspirazionale

Renault Megane dCi 130 Bose Energy, ora più aspirazionale

Renault Megane dCi 130 Bose Energy, ora più aspirazionale

Renault Megane dCi 130 Bose Energy, ora più aspirazionale

Dal momento che in 1995 Renault Mégane ha coniato il nome per la sua compatta, con la saga ora aggiunge quattro generazioni. Esteticamente è un miglioramento significativo rispetto al suo predecessore, azioni molti lineamenti Stilistico con il fratello maggiore, talismano, così come molti dei suoi componenti meccanici. Entrambi ricorso alla piattaforma CMF, per i modelli C e segmenti D, che è presente nel Kadjar e Espace anche.

Rispetto al suo predecessore, avrete meno del corpo, in quanto questo cinque porte nel mese di aprile verrà aggiunto alla famiglia Renault Mégane Sport Tourer e tipo minivan, che continuerà con il nome di Renault Scénic, entrambi già visto nel Salone di Ginevra. Per tre volumi versione berlina dovrà aspettare fino al 2017, ma, come nella Renault Clio, ci sarà la versione hatchback a tre porte e, in linea di principio, sembra avere la continuità cabrio-coupé.

Renault Megane, qualcosa di più grande di prima

Rispetto al terzo Mégane generazione, il nuovo Misurava 6,4 cm di lunghezza superiore, 0,6 di larghezza e 2,8 battaglia, mentre l’altezza è diminuito di 2,5 cm. Anche se, come vedremo, resta evidenziato da spazio interno.

posteriore Renault MéganePer quanto riguarda il eliche disponibile nella sua fase di lancio è possibile scegliere tra tre opzioni benzina e altrettanti in Diesel. Tutti tetracilíndricas meccanici con piccola cilindrata sovralimentato da un turbo. Nel primo gruppo troviamo la 1.2 TCe versioni di 100 e 130 CV e 1.6 TCe 205 CV, con automatico a doppia frizione a 7 velocità spinto oltre manuale di 6 piccole TCe. alimentazione Diesel inizia con la 1.5 dCi con 90 o 110 CV e culmina con la 1.6 dCi 130, midyear che sarà rafforzata con una variante 165 CV. Tutti con cambio manuale 6 marce, tranne per il DCI 110 CV consentendo un’opzione per 1.500 euro scegliere una doppia frizione EDC azionato con lo stesso numero di relazioni e che sarà l’unico disponibile sul dCi 165.

Renault Megane, con quattro ruote sterzanti

a numerosi aiuti alla guida che possono essere montati (veicoli notice nel punto cieco, di cambiamento involontario di corsia, la commutazione automatica tra i dati anabbaglianti e lunghe, proiezione sul parabrezza, parcheggio aiuti lettore segnale …) e Multi Sense, che consente diverse modalità di guida (Neutro, Sport, comfort, Eco e Perso, agendo sull’acceleratore, motore, cambio -se elettrocromatico, indirizzo, acustica di scarico -simulado attraverso apparecchiature audio e massaggi, strumentazione e luce ambiente), il nuovo Mégane anche si può contare su tutte e quattro le linee guida ruote 4CONTROL noto come Laguna, Espace e ora Talisman. Si tratta di apparecchiature che è incluso le versioni di serie GT e impostare una macchina molto risposta più sportiva con impressionante agilità, ma anche più facilmente alle manovre inaspettate. In modo che la Renault dice Richiede 40 percento meno spin ruota rispetto alle versioni non equipaggiate. A basse velocità le ruote posteriori ruotano fino a 2,7º nella direzione opposta a quella anteriore per una migliore maneggevolezza e dare la sensazione di guidare una macchina più piccola battaglia, mentre da 80 chilometri all’ora ruotare nello stesso senso a 1. Unico nel suo segmento e stiamo già guardando l’ora di provare la versione sportiva sempre super efficiente R.S. che sarà sicuramente venire nel prossimo futuro.

Un più evidente all’interno per Megane

Il suo interno trasmette un buon senso di qualità, almeno Bose in questa versione, serie ben attrezzato con sedili molto comodi e di notevoli dimensioni. E ‘facile ottenere una buona posizione di guida, con un ergonomia ben pianificati, anche se costa un po ‘più di altri rivali per sempre a disagio, ma soprattutto impreciso, regolazione dello schienale a leva invece di roulette che ha avuto in passato. Tuttavia la loro posti a sedere sono grande e confortevole poltrone, il conducente con un ricco programma di massaggio con l’inflazione e la deflazione del cuscino d’aria lombare. Molto piacevole è la qualità dei pannelli di rivestimento delle porte cuciture e volante, anche se toglie un po ‘difficile consolle centrale in plastica e l’intera regione inferiore di esso e cruscotto; niente da vedere, ma anche sui suoi rivali. regolazioni precise, ma il ristagno denota Bose piastra apposto diffusore centrale ritorto e una buona immagine appannamento apertamente.

Interior 2016 Renault MeganePer lo spazio, le sue grandi dimensioni consentono vincere 2 cm di larghezza nella parte anteriore e uno dei principali piazze 4 nella parte posteriore. Ma la dimensione più vitale, quella di andata in trasferta, segue la linea della sua categoria, dalla DS4, con solo un ingrandimento cm e che nel bagagliaio si perdono 20 litri. Pochi centimetri a adulti in un viaggio a ritroso per ospitare un certo rilievo. All’avvio, non raggiunge il 500 l del civico, ma fornisce ancora buona capacità. Sotto il suo piano il kit reparapinchazos e una scatola di apparecchiature audio gravi si trovano.

Per il sistema infotainment Hanno offerto tre opzioni. La più elementare ha un schermo monocromatico 4.2 “ che è seguita da uno schermo, e tocco e il colore di 7 “disposto orizzontalmente con il browser dal traguardo e Zen 8.7 “disposte verticalmente, standard di Bose Zen e optional sulla GT e 248 euro. Il 8.7 “è di tipo capacitativa -con una buona risposta al tocco, trascinare le icone scorrere, leggere le pagine facendo scorrere, zoom con le dita … Esso consente di impostare tre pagine che iniziano con le finestre funzionali (Widget) e su sei profili. ha molto buona definizione, ma il suo uso non è molto intuitivo, quindi è necessario un periodo di apprendimento e di adattamento per evitare urti in piena conduzione. Essi mancano molti pulsanti fisici e il dito grasso gruppo tocco è contrassegnato come molta forza per allungare il braccio.

Cinque finiture da scegliere nella Renault Megane

Cinque finiture disponibili (Vita, Intens, Zen, GT e Bose), il motore dCi 130 CV associato solo con i primi tre. il zen molto buona scelta, perché ha climatizzatore bizona, quattro finestre, cruise control, sensori di luce elettrica Bluetooth e pioggia, R-Link 2 schermo orizzontale 7″, elettricamente specchi pieghevoli, aiuto parcheggio posteriore, fari antinebbia, regolazione lombare, il riconoscimento dei segnali, luci automatiche, avvertendo di cambiare corsia involontari, cerchi in lega da 16 tasto “Multi senso e hands-free tra le altre cose. passare a Bose è un incremento di 1.600 euro elementi come Bose, le ruote 17″, lo schermo 8.7″ verticale telecamera di parcheggio, il freno di stazionamento elettrico e la funzione di massaggio per il sedile del conducente. Più interessante dal punto di vista dinamico è il GT, che rispetto Zen somma 4Control la quattro ruote sterzanti, ammortizzazione sport, i cerchi da 17 “, sedili sportivi, il sistema di controllo di lancio, fari e decorazione specifico LED da Un ulteriore 1.500 euro.

suo rate, con la sconto di 2.200 euro e sottratto, E ‘sopra la maggior parte dei suoi rivali marche generaliste, anche se l’apparecchiatura ha trovato in questa unità fascia alta è anche la più nutrita. Un campione della sicurezza ha Renault che il loro prodotto è superiore. L’unità testata vale 100 euro in meno di una linea Peugeot 308 2.0 BlueHDI 150 GT, più potente e più caratteristiche di comfort, anche se la Mégane lo ha battuto in sicurezza, con avvertimento di cambio di corsia involontario, luci automatiche … senza dimenticano che la 308 aggiunge fari, opzionali sul suo rivale LED.

Abbiamo visto quello che ha la Mégane, vediamo ora come va

Basti camminare a pochi metri di verificare la aplomb Auto e la sua battistrada qualità superba, aspetti in cui si trova al vertice della sua categoria. si tratta di ottima filtrazione, ma mentre infine sottrae sentimenti di guida. Sì, quelli che non solo ci aiutano a godere, ma anche quelli che ci danno fiducia per esplorare i limiti. su limite che, peraltro, sono molto superiore senso e che quando siamo arrivati ​​il ​​Meagane reagisce con grande nobiltà. Con una difesa che aiuta dolcemente voltarsi se tagliamo il gas in pieno sostegno. Ma dobbiamo farlo bruscamente, perché il suo personaggio è Molto sottosterzo, almeno in questa versione dCi 130 CV, che aggiunge un peso considerevole sull’asse anteriore e una figura coppia elevata. Freno buon tocco, sebbene Non distanze di arresto Essi hanno dimostrato come efficace come il suo predecessore. Achacable potrebbe essere solo qualcosa a questa unità, ma la HP dCi 110 ha anche passato attraverso le nostre strutture migliora solo figure un metro davanti alla Mégane III 2.3. Non solo convincerevostro indirizzo. Sì, è meglio di prima, ma la sua toccare risultato molto artificiale, non trasmette molte informazioni, e la modalità Sport unica cosa che abbiamo trovato è un indurimento in cui crediamo poiane spostamenti inutili.

suo sporgenze morbidezza elica e basso rumore. beneficia anche sistemazione sia accelerazione e recupero come uno dei migliori livello di potenza, anche al secondo punto hobnobbing con 150 varianti cv. Il problema è il suo mancanza di bassi, che fa sembrare pigro in alcune circostanze. da il consumo, strada, rimane solo due decimi di Honda Civic 1.6 i-DTEC 120 CV, categoria di riferimento, ma Non ha una grande autonomia a causa della perdita di 13 litri di capacità del deposito. suo cambio manuale questo è bello e abbastanza veloce, non come il Civico, nemmeno come un leone, ma supporta anche critico.

Si può anche essere interessati

Renault Mégane 1.2 TCE, i consumi e le prime impressioni

Renault Mégane primo contatto

Foto, video e dati di Renault Megane

Adblock
detector