Quindi, essere dentro le auto del futuro

Quindi, essere dentro le auto del futuro

Andare avanti con noi a bordo della macchina del futuro. Noi mostreremo come essere dentro: sedili, schermi o materiali saranno tendenza di qualche anno.

L'interno della vettura in futuro: collegato e intelligente

L'interno della vettura in futuro: collegato e intelligente

L'interno della vettura in futuro: collegato e intelligente

L'interno della vettura in futuro: collegato e intelligente

I prossimi anni saranno presenti un completo interno auto rivoluzione. La cabina di guida del futuro collegato, intuitivo, adattabile, sensibile, caldo e proattivo e questo comporterà cambiamenti a tutti i livelli, non solo tecnologica, anche di materiali o configurazione. Faurecia È uno dei principali operatori l’architettura interna automobilistico e secondo le previsioni questa mossa di mercato intorno a 27.000 milioni di euro da qui a nove anni nel 2025. Questo è quasi il doppio di quanto in realtà si muove. Proprio Faurecia, un produttore francese di apparecchiature e soluzioni per l’industria automobilistica, ci mostra come sarà l’interno auto del futuro.

Gli interni delle auto del futuro: la sede

L’esperienza con la macchina intelligente inizia dal momento in cui si prende il sedile. il Active Wellness 2.0 sviluppato da Faurecia è una sede in grado di monitorare lo stato fisico e mentale Driver (frequenza cardiaca e la respirazione, la temperatura, l’inclinazione della testa, irrequietezza, flicker …) e agire di conseguenza, alleviare lo stress o sonnolenza. attraverso vari sensori, sul sedile stesso o sul pannello strumenti, attiva benessere 2.0 raccoglie e analizza autista dati biometrici, memorizzare il loro comportamento e le preferenze. Ciò consente di prevedere come sarà più a suo agio, in base al livello di forma fisica attuale, l’ora del giorno, condizioni di viaggio, o anche se si guida in modo autonomo o semi-autonomo. Se il sedile rileva disagio, stress o malattia, in grado di agire con misure come regolazione della posizione, un programma che comprende cinque massaggi differenti, più o meno la ventilazione, cambiamenti di illuminazione o suono ambientale.

All’interno delle auto del futuro: decorazione funzionale

Se, come sembra, il futuro sta in macchina autonoma, Faurecia sottolinea interno, dove il conducente può interagire con la tecnologia attraverso Superfici intelligenti e arredi funzionali. Così, la consolle centrale (con tecnologia AMOLED) Viene miscelato con elementi decorativi. strumenti di visualizzazione, AMOLED è anche ultrasottili, consumano meno energia rispetto ai loro predecessori, Può essere curvato ed è composto da due distinti materiali plastici legati insieme per formare uno schermo rigido alta risoluzione.

passa inosservato schermo nero TFT che corre dal cruscotto e visualizza le informazioni relative al sistema Infotainment o smartphone del conducente. sviluppata in collaborazione con Magneti Marelli, solo viene segnalato quando attivato e rimane in un secondo piano, come elemento decorativo più, mentre non funziona. Faurecia è anche riuscito a trasformare gli spazi di legno, alluminio o plastica per vista superfici intelligenti che nascondono controlli HVAC, per esempio. Inoltre offrono un risposta tattile o visivo Dopo l’attivazione, vibrante o brillantante.

Gli interni delle auto del futuro: sempre connessi

La trasformazione digitale richiede noi di essere costantemente collegati, anche in macchina. All’interno del futuro è I collegamenti ipertestuali e questo comporta inevitabilmente la connettività nostri dispositivi personali. Architettura d’interni adatta alla le preferenze del driver, Anche il vostro smartphone o tablet. Stiamo già vedendo, ma nei prossimi anni caricabatterie wireless sono all’ordine del giorno e non deve necessariamente essere situato nella consolle centrale.

Gli interni delle auto del futuro: intelligente predittiva

L’auto del futuro dovrà montare vari scenari diversi, sempre con l’attenzione per la sicurezza, il comfort e il benessere. Se il veicolo è in modalità standalone e il conducente vuole leggere o dormire, per esempio, la sede può regolare il poggiatesta, schienale e braccioli ad una posizione più rilassata. Dovrebbe anche essere in grado di valutare se il conducente è pronto a riprendere il controllo della vettura prima di lasciare la modalità stand-alone. Inoltre, l’utilizzo di sensori e la disponibilità di una grande quantità di dati permetteranno al vettore di sviluppare capacità di anticipare, imparare e adattarsi ogni occupante e le esigenze.

Adblock
detector