Iso Isetta 200, uovo

Iso IsettaIso IsettaIso IsettaIso Isetta

Alla fine degli anni Cinquanta, la Spagna e la guerra lunga e difficile allungato. La flotta ha cominciato timidamente a crescere e le prospettive economiche e sociali sembrava meno tetro. In questo ambiente, a metà strada tra moto e veicoli passeggeri pittoresca emerse tre o quattro ruote e piccolo, con disegni influenza aeronautica uno o repliche di grandi berline altri. Tra coloro che hanno avuto un interno della cabina di guida o cabina -più fosse l'Interior- Messerschmitt, Scootacar, Isetta e Heinkel. Quest'ultimo è nato in Italia nel 1952, come Renzo Rivolta, fondatore del marchio personalizzato Iso- l'ingegnere aeronautico Hermenegildo Preti. Rivolta pensato di costruire una microcar successo era dovuto al progetto da zero, non come aveva fatto la maggior parte dei piccoli artigiani, vale a dire, la copia e la riduzione al minimo lo stile di un modello standard. Pertanto, le condizioni imposte Hermenegildo Preti per lo sviluppo della piccola utility sono stati triplice: un costo di produzione non supera la metà che ha avuto il Fiat Topolino; il massimo utilizzo di motori Iso 200, che ha guidato la scooter che ha commercializzato il marchio- stesso e, infine, che il progetto ha avuto il suo proprio stile, originale e innovativo. Le tre sedi sono state soddisfatte, in misura maggiore o minore. Ma senza dubbio, l'ultimo segnalato Isetta personalità.

formazione aeronautica Preti fece concepire il corpo come la cabina di pilotaggio di un aereo, al momento, una sorta di cabina di guida a due posti con un unico sportello di accesso anteriore. Nel 1953 essi sono scesi in piazza i primi Isetta italiani, anche se la produzione è durato solo due anni. Tuttavia, l'azienda non stava facendo Iso ma la vendita del brevetto per gli altri. BMW (Germania), Velam (Francia) e Romi (Brasile) sono stati tre. in Spagna, il Iso motore Italia S.A.E. Fu sede a Carabanchel (Madrid) E dal 1952 era stato costruito su licenza gamma pressoché completa di prodotti Iso.

E 'iniziato con le moto e scooter, poco dopo l'Isocarro e infine l'Isetta. il produzione artesal la "minicar"Ha iniziato nel gennaio 1957, anche se sono stati importati nel 1956 e si iscrive alcune copie. È interessante notare che una di queste unità si unirono auto flotta di servizio "patrimonio forestale" ... La verità è che non mi sembrava il più adatto per la laminazione attraverso boschi e strade di montagna del veicolo. Nel corso della sua vita commerciale, l'Isetta ha ricevuto numerosi soprannomi come ad esempio l ' "uovo", il "bubble car" o "cogebaches". I primi erano evidenti, mentre il terzo aveva a che fare con la differenza che aveva le tracce anteriore e posteriore, che ha reso quasi impossibile non prendere eventuali ostacoli dalla strada che passa sopra: se non con le ruote anteriori, è stato con la parte posteriore. Logicamente, questo particolare design aveva un fondamento: rimuovere il differenziale. Così, il ponte posteriore è stato formato costituito da un blocco di cambio e trasmissione. Quest'ultimo, molto breve e con giunti elastici, che ricevono il movimento di un doppio filamento bagno d'olio.

Il cambiamento ha avuto quattro rapporti avanti e indietro. Successivamente, la variante Isettacarro stessa incorporare differenziale e due semiassi. come richiesto Rivolta, il motore era il bicilindrico due tempi air, brevetti Puch, con i pistoni in parallelo e collegati ad un'unica asta in "Y" e camera di combustione comune. In pratica era un design veramente efficace, verificando che aveva prestazioni superiori e consumi ridotti rispetto agli altri due cilindri.

esemplari italiani 200 montati Iso moto, mentre lo spagnolo effettuato all'inizio variante 236 cc e 9,5 CV a 4500 rpm. Il problema presentato è 1958, l'anno in cui più unità sono state vendute in Spagna e fa parte della collezione della Fondazione RACE. Il suo stile sta attirando l'attenzione sguardo dove si guarda. La forma ovoidale e integrazione degli elementi trasparenti (parabrezza e finestrini laterali e lunotto plexiglass) sono di enorme originalità. E che retell la porta curioso sistema frontale con volante e tabella di inclinazione terso con lei per aprire ...

Ma il margine di ingegno di dumping nel loro design, Isetta a sua volta era una macchina pratica e conciso e specifico per le esigenze della risposta momentaneamente un ambiente urbano, veloce, semplice, facile da guidare, affidabile, poco costoso da mantenere e, soprattutto, capace di muoversi llaneando due veicolo 70 km /h. In breve: un punto intermedio tra una moto e una macchina. Una moto-coupé? Qualsiasi cosa tu voglia chiamarla, oggi è divertente da guidare e non essere fuori a tutti confuse in una grande traffico cittadino. Tuttavia, nel 1961, la scena automobilistica spagnola era immerso in una grande rivoluzione.

In primo piano un Seat 600 in piena proiezione e, conseguentemente, da solo ha comandato il piccolo universo assoluto ostracism microcar Sono nato sulla scia della Isetta, Biscuter, PTV, Kapi, Triver, ecc, ecc ... poi, Iso Motor Italia era diventato Borgward Iso spagnolo. Ma né conti né sommare futuro dicendo- sembravano ottimisti. Così i laboratori Locali hanno chiuso i battenti lo stesso anno, dopo aver lanciato più di duemila Isetta.