Volkswagen, condannato negli Stati Uniti dal Dieselgate

Volkswagen, condannato negli Stati Uniti dal Dieselgate

il gruppo Volkswagen Egli è stato condannato Stati Uniti a tre anni di vigilanza da un monitor separato, come la pagare una multa penale di 2.800 milioni di euro per gestire il caso di motori diesel, noto come Dieselgate. Durante l'udienza, il giudice della Corte Federale di Detroit, ha detto che questo caso "è molto grave e preoccupante, che coinvolge una società di macchina iconica." Egli ha aggiunto che "questo è un Se la frode massiccia e intenzionale". In aggiunta a questo fine, la Volkswagen si troveranno ad affrontare la il pagamento di 1.500 milioni di dollari l'importazione e la vendita negli Stati Uniti di veicoli truccati e costumi di frode.

L'accordo tra Volkswagen e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, ora ratificato dal giudice, considera la la supervisione organizzativa della società per un periodo di tre anni, una misura che consente Volkswagen essere monitorato e analizzato da un monitor indipendente. In effetti, nel corso dell'udienza ha confermato l'intenzione del governo degli Stati Uniti di nominare ex Vice Procuratore Generale Larry Thompson Paese, come supervisore indipendente.

Secondo la Volkswagen, cercheranno di cooperare al meglio con Thompson, i quali hanno accolto. Inoltre, assicurano "hanno preso provvedimenti per rafforzare la nostra contabilità, per migliorare la trasparenza e per costruire una società migliore." Thompson avrà una duplice responsabilità. In primo luogo, il valutazione, controllo e monitoraggio rispetto degli accordi firmati in quel periodo. E in secondo luogo, che certifica che il programma è attuato da Volkswagen in grado di rilevare casi simili al software e per evitare che accada di nuovo.

Dieselgate: la storia degli Stati Uniti

Nel marzo di quest'anno, la Volkswagen ha dichiarato colpevole di tre accuse penali, come la frode, ostruzione della giustizia e dei documenti falsificazione, dopo ammettere di software illegale installato in circa 580.000 veicoli negli Stati Uniti. Inoltre ha raggiunto un accordo con dieci stati degli Stati membri in relazione ai crediti per il caso Dieselgate, che avrebbero dovuto pagare 157,4 milioni di dollari (148,4 milioni di euro) nel Connecticut, Delaware, Maine, Massachusetts, new York, Oregon, Pennsylvania, Rhode Island, Vermont e Washington.

Sempre a marzo ha ricevuto il approvazione da parte della Environmental Protection Agency il paese di vendere 67.000 veicoli diesel montato le emissioni che alterano il software e sono stati riparati. In totale, il Gruppo Volkswagen ha accettato di pagare circa 25.000 milioni di euro in Stati Uniti con l'obiettivo di porre fine lamentele da proprietari di veicoli, regolatori ambientali, lo stato e rivenditori e di fare offerte automobili riacquisto offerti.

Si può anche essere interessati

Dieselgate: Volkswagen vince il primo resort in Spagna

Quando la Volkswagen Dieselgate ucciso Downsizing

Fa il Dieselgate sta interessando le vendite del Gruppo Volkswagen?