La lettera di seduta ai dipendenti: cambio di sede “se non v’è la certezza del diritto”

La lettera di seduta ai dipendenti: cambio di sede

"Prima della crescente clima di instabilità e di incertezza nelle ultime settimane la situazione in Catalogna, voglio affrontare direttamente trasmettere la nostra posizione". E così comincia la lettera che Presidente del Comitato Esecutivo Sedile, Luca de Meo, Egli ha inviato questa mattina al modello per esporre i piani della società per quanto riguarda il conflitto in Catalogna che sta generando tanta incertezza in più di 14.500 persone che lavorano nei loro centri. "La nostra azienda è senza dubbio un riflesso della società, con persone provenienti da molto diversi profili e opinioni, che formano una melting pot culturale che ci arricchisce come azienda. E siamo anche società ha messo su ruote per la società spagnola".

Luca de Meo Sedile ricorda che una società profondamente radicata a Barcellona, ​​Catalogna e la Spagna, genera anche "decine di migliaia di posti di lavoro indiretti sia in Catalogna e in tutta la Spagna." Sedile dice Meo, "è il Principale casa automobilistica spagnola e abbiamo tutti i nostri centri di produzione situati in Catalogna. Siamo una società industriale le cui attività sono legate al territorio. Pertanto, per l'azienda, un il cambiamento sociale basato è motivata dalla ricerca di protezione legale e avrebbe senso, al momento di capire che questo non è più dato nel territorio in cui ci si trova".

Messaggio di serenità

Il capo della società ritiene pertanto che "la stabilità politica, la certezza del diritto e la permanenza nell'Unione europea sono essenziali al fine di garantire la sostenibilità economica e del lavoro della nostra società e delle sue controllate, e per mantenere la fiducia dei nostri clienti e azionisti ". "In breve," ho continuato Meo, "Io trasmettere un messaggio di serenità per conto del Comitato Esecutivo. Il nostro compito è quello di costruire auto e componenti, e creare soluzioni per rendere la mobilità più facile ogni giorno. E questo è ciò che continuiamo a fare tutto ciò che la situazione ".sede

conferma di seduta Inoltre, per il momento, Egli non ha dovuto prendere decisioni, "perché abbiamo sviluppato la nostra attività operativa normalmente. Non è la prima volta che come organizzazione ci troviamo ad affrontare situazioni incerte. E siamo sempre riusciti a superare grazie all'impegno di tutte le persone che fanno parte di Seat ", spiega Meo. "Questa volta non sarà diverso, mentre continuiamo la nostra missione di continuare a svolgere un ruolo importante per l'economia e la società, e per mantenere la fiducia del Gruppo Volkswagen abbiamo vinto negli ultimi anni. Questo è il mio impegno, il Comitato Esecutivo e del Consiglio di Amministrazione di Seat ", dice il suo presidente.

Una delle più grandi aziende in Spagna

La lettera inviata dal presidente dei lavoratori Seat mette in luce anche l'importanza della società, "una delle più grandi aziende in Spagna, con un contributo del PIL di circa l'1%. E 'anche il più grande investitore industriale, con un investimento di circa 3.000 milioni di euro negli ultimi cinque anni, e terza società in termini di esportaren, che contribuisce positivamente alla bilancia commerciale del Paese". "Anche iniziare dalla convinzione che Sedile è patrimonio di tutti e che l'interesse per un'ulteriore crescita è condivisa".

Nella lettera, Sedile ricordare come "del più grande fabbricante automobilistico del mondo ", il gruppo Volkswagen, "Composto di 12 punti e solo nel continente europeo che ha 71 stabilimenti di produzione e 420.000 lavoratori. Più del 85% delle vendite del sedile sono realizzati in un paese europeo. Per questo motivo, per Seat, essere in Europa significa preservare i nostri interessi. "

MartorellLuca de Meo giustifica la sua dichiarazione di oggi che "Sento l'ansia che si può sentire. Stiamo assistendo dibattiti politici e una delle principali preoccupazioni della maggior parte di noi è come questo può influenzare il nostro ambiente più immediato. la mia priorità E 'molto chiaro: tutelare gli interessi di tutti noi in sede e le nostre famiglie, così come quelli di i nostri investitori, fornitori e clienti. Questa è la mia responsabilità e chiedo che ognuno di voi concentrare tutto il lavoro nello stesso modo che avete fatto finora per continuare a costruire il futuro di Seat".

Come ha colpito il conflitto Sedile finora?

Al momento, Sedile frequenta sia la risoluzione dei conflitti Catalogna in attesa degli eventi dei prossimi giorni. Oggi, in questo momento, la vettura spagnola ha colpito solo la produttività e le prestazioni abituali con lo sciopero generale convocata a seguito della conclusione del referendum illegale. poi, blocchi stradali generato mancanza e carenza di forniture parti che ha costretto, per diverse ore, a parte paralizzante della sua fabbrica di Martorell. In particolare, linea 1 (dove si produce la Seat Ibiza Arona e) e Linea 2 (Seat Leon) hanno ridotto la loro attività, lasciando di produrre in totale più di 200 auto.

Si può anche essere interessati a:

Come si sta interessando il conflitto motore della Catalogna: vendita, fabbriche, marchi ...

Luca de Meo Sedile ricorda che una società profondamente radicata a Barcellona, ​​Catalogna e la Spagna, genera anche "decine di migliaia di posti di lavoro indiretti sia in Catalogna e in tutta la Spagna." Sedile dice Meo, "è il Principale casa automobilistica spagnola e abbiamo tutti i nostri centri di produzione situati in Catalogna. Siamo una società industriale le cui attività sono legate al territorio. Pertanto, per l'azienda, un il cambiamento sociale basato è motivata dalla ricerca di protezione legale e avrebbe senso, al momento di capire che questo non è più dato nel territorio in cui ci si trova".

Messaggio di serenità

Il capo della società ritiene pertanto che "la stabilità politica, la certezza del diritto e la permanenza nell'Unione europea sono essenziali al fine di garantire la sostenibilità economica e del lavoro della nostra società e delle sue controllate, e per mantenere la fiducia dei nostri clienti e azionisti ". "In breve," ho continuato Meo, "Io trasmettere un messaggio di serenità per conto del Comitato Esecutivo. Il nostro compito è quello di costruire auto e componenti, e creare soluzioni per rendere la mobilità più facile ogni giorno. E questo è ciò che continuiamo a fare tutto ciò che la situazione ".sede

conferma di seduta Inoltre, per il momento, Egli non ha dovuto prendere decisioni, "perché abbiamo sviluppato la nostra attività operativa normalmente. Non è la prima volta che come organizzazione ci troviamo ad affrontare situazioni incerte. E siamo sempre riusciti a superare grazie all'impegno di tutte le persone che fanno parte di Seat ", spiega Meo. "Questa volta non sarà diverso, mentre continuiamo la nostra missione di continuare a svolgere un ruolo importante per l'economia e la società, e per mantenere la fiducia del Gruppo Volkswagen abbiamo vinto negli ultimi anni. Questo è il mio impegno, il Comitato Esecutivo e del Consiglio di Amministrazione di Seat ", dice il suo presidente.

Una delle più grandi aziende in Spagna

La lettera inviata dal presidente dei lavoratori Seat mette in luce anche l'importanza della società, "una delle più grandi aziende in Spagna, con un contributo del PIL di circa l'1%. E 'anche il più grande investitore industriale, con un investimento di circa 3.000 milioni di euro negli ultimi cinque anni, e terza società in termini di esportaren, che contribuisce positivamente alla bilancia commerciale del Paese". "Anche iniziare dalla convinzione che Sedile è patrimonio di tutti e che l'interesse per un'ulteriore crescita è condivisa".

Nella lettera, Sedile ricordare come "del più grande fabbricante automobilistico del mondo ", il gruppo Volkswagen, "Composto di 12 punti e solo nel continente europeo che ha 71 stabilimenti di produzione e 420.000 lavoratori. Più del 85% delle vendite del sedile sono realizzati in un paese europeo. Per questo motivo, per Seat, essere in Europa significa preservare i nostri interessi. "

MartorellLuca de Meo giustifica la sua dichiarazione di oggi che "Sento l'ansia che si può sentire. Stiamo assistendo dibattiti politici e una delle principali preoccupazioni della maggior parte di noi è come questo può influenzare il nostro ambiente più immediato. la mia priorità E 'molto chiaro: tutelare gli interessi di tutti noi in sede e le nostre famiglie, così come quelli di i nostri investitori, fornitori e clienti. Questa è la mia responsabilità e chiedo che ognuno di voi concentrare tutto il lavoro nello stesso modo che avete fatto finora per continuare a costruire il futuro di Seat".

Come ha colpito il conflitto Sedile finora?

Al momento, Sedile frequenta sia la risoluzione dei conflitti Catalogna in attesa degli eventi dei prossimi giorni. Oggi, in questo momento, la vettura spagnola ha colpito solo la produttività e le prestazioni abituali con lo sciopero generale convocata a seguito della conclusione del referendum illegale. poi, blocchi stradali generato mancanza e carenza di forniture parti che ha costretto, per diverse ore, a parte paralizzante della sua fabbrica di Martorell. In particolare, linea 1 (dove si produce la Seat Ibiza Arona e) e Linea 2 (Seat Leon) hanno ridotto la loro attività, lasciando di produrre in totale più di 200 auto.

Si può anche essere interessati a:

Come si sta interessando il conflitto motore della Catalogna: vendita, fabbriche, marchi ...