DGT: “Gli incidenti sono evitabili”

DGT: Unione europea fornisce la sicurezza stradale come una responsabilità condivisa, vale a dire, un impegno che deve acquisire l'intera società.

Pertanto, la DGT ha indicato che i suoi principali piani d'azione a breve termine si sono concentrati sulla creazione di deterrenti per i conducenti con cattive abitudini di guida. Navarro ha osservato che, finora, i suoi principali campi di azione sono state campagne breathalyser, impostare l'utilizzo obbligatorio delle cinture di sicurezza, punire la velocità e cercare di ri-educare il gruppo di recidivi.

A medio termine, la DGT intende avere un piano d'azione a livello locale, coinvolgendo la società civile, come "incidenti non sono un prezzo da pagare per l'utilizzo di macchine, ma sono prevenibili".

Il direttore della DGT ha fatto queste dichiarazioni in Safety Day UNA tenuti questo Mercoledì dalla compagnia di assicurazione Liberty Seguros.

In questo giorno ci sono stati vari studi, la ricerca e il miglioramento della sicurezza stradale, contando con numerosi specialisti.

Francisco Toledo, vice direttore dell'Istituto di ricerca sulla circolazione e la sicurezza stradale presso l'Università di Valencia (INTRAS), ha detto che "Gli unici incidenti stradali vaccino è quello di avere l'educazione buona strada". Questo si traduce per trasmettere ai bambini valori del rispetto per le regole del traffico. Toledo ha sottolineato che i nuovi corsi di rieducazione (quando la carta viene estratta dai punti) cercheranno di influenzare le emozioni di individui, per rendersi conto che l'uso improprio della mobilità può influenzare l'intera famiglia.Uno dei modelli, secondo Javier Páez, direttore dell'Istituto Universitario Unità Incidentologia Vehicular Automobile Research (INSIA), il caso svedese "Vision Zero" è il più rappresentativo da ridurre al minimo la perdita di rapporti . Questo programma si concentra sull'idea che "se c'è da accettare che ci possono essere incidenti, almeno non può essere mortale e dovrebbero produrre lesioni gravi, dal momento che la perdita di vite è inaccettabile." Per questo, si deve lavorare duro su educazione stradale e la progettazione di misure di sicurezza in auto e le infrastrutture.Per progettare un ambiente sicuro, questo giorno ha voluto presentare come un importante passo avanti nei sistemi di protezione dei pedoni. In Europa, il 15% dei decessi per incidenti stradali sono pedoni. Per questo motivo, i veicoli devono avere sistemi efficaci di sicurezza, come ad esempio cofano motore attivo, paraurti che assorbono o rivelatori pedonali.Con l'imminente entrata in vigore di punti di penalità, il 1 ° luglio, il vice direttore generale di Standard e Risorse del DGT, Maximiliano Torres, anche spiegato la funzione educativa che mira ad avere l'attuazione della nuova carta.

Dopo i buoni risultati ottenuti in Europa, la Spagna dovrà affrontare questo nuovo piano d'azione per cercare di ridurre gli incidenti sulle strade.

Torres ha anche ricordato che tutti i driver cominceranno a prendere 12 punti (tranne che per i neopatentati e coloro che hanno perso la prima dell'impianto, che inizierà con 8 punti). Secondo infrazioni gravi o molto gravi sono impegnati, che penalizzerà i conducenti togliendo punti al possibile ritiro della patente di guida. Per i punti o recuperare licenza persa, il conducente deve frequentare corsi speciali di consapevolezza su strada.